ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Europa dichiara guerra ai pirati

Lettura in corso:

L'Europa dichiara guerra ai pirati

Dimensioni di testo Aa Aa

Le acque al largo della Somalia sono diventate tra le più pericolose del mondo: pirati somali armati fino ai denti hanno sequestrato oltre trenta navi dall’inizio dell’anno e tengono ancora prigionieri circa 200 marinai. E’ un business redditizio, si calcola che i pirati abbiano già incassato fino a 30 milioni di dollari in riscatti.

Per i ministri della difesa europei è tempo di agire con un atask force comune. E’ un’idea che ha ricevuto un ampio sostegno e 9 stati hanno già annunciato l’intenzione di parteciparvi: Belgio, Spagna, Germania, Cipro, Olanda, Lituania, Svezia e senz’altro la Francia. La Gran Bretagna è pure interessata, ma possibilista.

Londra infatti ritiene di massima importanza la sicurezza delle autostrade del mare, ma vuole unire gli sforzi con gli Stati Uniti. La marina Usa da mesi pattuglia le acque del Corno d’Africa, ed è riuscita a bloccare 12 attacchi di pirati dal mese di maggio.

Il gruppo di difesa aeronavale europeo dovrebbe in pratica organizzare delle esercitazioni nelle acque più pericolose con allenamenti comuni tra i militari di diversi paesi.