ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'opposizione bielorussa protesta: una "farsa" le elezioni

Lettura in corso:

L'opposizione bielorussa protesta: una "farsa" le elezioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Grande manifestazione nella Piazza d’Ottobre a Minsk, contro elezioni giudicate una “farsa”.

Elezioni che ancora una volta, secondo i primi risultati, non avrebbero permesso a nessun rappresentante dell’opposizione di entrare al parlamento.

Aleksander Milinkievich, leader del movimento, ha ribadito che il voto in Bielorussia continua a non poter essere considerato democratico, nonostante qualche piccola modifica di facciata.

Il regime autoritario di Aleksander Lukashenko per la prima volta da oltre dieci anni ha permesso infatti di presentarsi a 70 candidati dell’opposizione e il voto si è svolto sotto lo sguardo di quasi 500 osservatori europei.

Con queste concessioni Lukashenko, che è considerato dagli Stati Uniti “l’ultimo dittatore d’Europa”, spera di uscire dall’isolamento in cui si trova il suo paese.

Molto dipende ora dal giudizio degli osservatori europei, che probabilmente saranno cauti, riconoscendo alcuni progressi, per iniziare una fase del disgelo. Ed aiutare così il paese a guardare ad occidente e emanciparsi dalla quasi totale dipendenza da Mosca.