ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La parabola Newman fra film motori e beneficenza

Lettura in corso:

La parabola Newman fra film motori e beneficenza

Dimensioni di testo Aa Aa

Fascino, carisma, uno sguardo che ha fatto sognare generazioni. Paul Newman è stato venerato dal pubblico e dalla critica.

Nel 1969 è protagonista, al fianco di Robert Redford, di un film che si aggiudica 4 premi Oscar: Butch Cassidy. Una delle tante pellicole di culto che costellano la sua lunga carriera.

Nato nel 1925 a Cleveland, Newman si arruola in marina nel 1943 e solo dopo la guerra conclude i suoi studi per poi consacrarsi alla recitazione.

Ben presto si fa notare dalla Warner Bros che lo lancia verso il debutto hollywoodiano, nel 1954.

L’accoppiata, con ironia, con Robert Redford da vita ad un’altro vertice della parabola Newman: La Stangata, film che vale 6 Oscar.

Ma per portarsi a casa la prima statuetta bisogna attendere l’ottava nomination e il 1986 con il Colore dei soldi di Scorsese al fianco di Tom Cruise.

Più che navigato davanti all’obiettivo, Newman si cimenta anche dietro alla telecamera: è stato regista di cinque film.

La sua vita, meno mondana e più defilata rispetto a quella di altri miti di Hollywood, porta il marchio della perdita del figlio Scott morto d’overdose. Costante il suo impegno nelle attività di beneficienza. Negli ultimi 10 anni ha donato oltre 100 milioni di dollari principalmente destinati alla cura di bambini malati.

La sua insofferenza per le formalità è talmente cresciuta negli anni che si dice abbia dato fuoco al suo smoking in occasione del 75esimo compleanno.

In ambito musicale la sua unica, grande passione è stata quella per il suono di un motore 8 cilindri. A partire dagli anni Sessanta l’amore per le auto non lo ha più abbandonato e dedica alle corse automobilistiche tempo ed energie. Nel 1979 corre a Les Mans sulla sua Porche. Nel 2000 rischia grosso in un incidente a Dytona.

Nel 2006 Newman trova il modo di far in un certo senso convergere le sue due passioni e presta la voce ad una delle macchine parlanti nel Cars della Disney. Al volante fino a un anno fa. L’ultima sfida è persa contro il cancro ai polmoni.