ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ancora un venerdì nero per i mercati finanziari

Lettura in corso:

Ancora un venerdì nero per i mercati finanziari

Dimensioni di testo Aa Aa

A trascinare giù le borse da una parte e dall’altra dell’Atlantico, il settore bancario sul quale pesano le incertezze sul piano di salvataggio straordinario di 700 miliardi di dollari.

Tra gli indici più negativi quello di Londra che chiude con perdite superiori al 2%.

“Ancora persistono molti problemi – spiega un trader -. Siamo concentrati sui problemi finanziari e chiaramente non siamo ancora usciti dalla tempesta. Speriamo tutti che il piano di salvataggio serva a tracciare una line a breve termine per creare una base in grado di risolvere il problema”.

Le Banche centrali hanno inondato i mercati di liquidità dall’‘inizio della settimana per cercare di facilitare il credito interbancario. Oggi in un’azione concertata la Banca centrale europea, la Banca d’Inghilterra e la Banca nazionale svizzera hanno emesso prestiti a breve termine per un totale di 74 miliardi di dollari.

Negli Stati Uniti crolla un gigante dopo l’altro. La Washington Mutual, la più grande cassa di risparmio americana, è di fatto fallita, chiusa dalle autorità americane che hanno organizzato il trasferimento delle sole attività bancarie alla JP Morgan. E’ il più grosso collasso bancario nella storia degli Usa.

“Siamo nell’incertezza e ci chiediamo cosa succederà adesso – dice un dipendente -. Se sono nervoso? Certo. È naturale. Quando una grande compagnia fallisce tu pensi al tuo posto. Cadranno molte teste? Non ne ho idea, ma abbiamo fiducia nei nostri dirigenti”.

Per concludere l’acquisizione mantenendo gli standard di solvibilità, JP Morgan dovrà ricorrere ad un aumento di capitale di otto miliardi di dollari.