ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il governo americano salva il colosso assicurativo Aig ma non i mercati

Lettura in corso:

Il governo americano salva il colosso assicurativo Aig ma non i mercati

Dimensioni di testo Aa Aa

Spegnere la crisi. Questo lo scopo del governo americano con il salvataggio del colosso delle assicurazioni Aig. Troppo grande per permettersi di farlo fallire. In una mossa senza precedenti è intervenuta la Federal Reserve con un prestito da 85 miliardi di dollari. “I titolari di polizze possono sentirsi al sicuro – ha detto il governatore dello Stato di New York David Paterson. I posti di lavoro e il business saranno salvati”.

Salvare American International era fondamentale. La società è una delle più grandi del pianeta: ha attività per 757 miliardi di dollari e 116mila impiegati in tutto il mondo, ma quest’anno ha già accumulato perdite per 13 miliardi di dollari.

La notizia non ha però riportato la calma sui mercati. Dopo due giorni di forte flessione, le Borse europee registrano la terza seduta negativa consecutiva e anche Wall Street è negativa. “L’acquisto di Aig da parte del governo potrà agire da tranquillante per i mercati – dice un analista – . Ma nel lungo periodo bisognerà vedere se il piano di salvataggio potrà salvare l’intero settore finanziario del mercato statunitense”.

E intanto si è fatto avanti un acquirente per Lehman Brothers. La banca britannica Barclays si è offerta di rilevare le attività nord americane della banca d’affari e di acquistare il quartier generale a New York per un totale di 1,75 miliardi di dollari. A patto però che il tribunale ne dichiari fallimento e l’operazione sia completata entro una settimana. Circa diecimila dei 26mila dipendenti passeranno in Barclays.