ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pirati all'arrembaggio in Somalia, i pescatori francesi e spagnoli sospendono le attività

Lettura in corso:

Pirati all'arrembaggio in Somalia, i pescatori francesi e spagnoli sospendono le attività

Dimensioni di testo Aa Aa

Due attacchi in tre giorni, una trentina in sei mesi, i pirati in Somalia mettono a rischio le attività dei pescatori europei.

Due giorni fa a 600 chilometri dalla costa è stata presa d’assalto un’imbarcazione francese per la pesca del tonno. Nel golfo di Aden e nell’oceano indiano lavorano soprattutto pescatori spagnoli e francesi, da questa zona proviene il 30% delle risorse mondiali di tonno.

I pescatori europei hanno deciso di sospendere le loro attività e rientrare nel porto di Mahé alle Seichelles.

Esigono che le imbarcazioni militari garantiscano anche la loro sicurezza oltre a quella di cargo e petroliere.

Il ministro della Pesca e dell’Agricoltura francese Michel Barnier ha chiesto una riunione interministeriale d’urgenza sulla pirateria marittima.

Per gli armatori la pirateria nelle acque somale, le più pericolose al mondo, si è trasformata ormai in un’industria organizzata: imbarcazioni fanno da base per vedette da inviare al largo per dare l’assalto ai pescherecci.