ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il Texas conta i danni dell'uragano, colpito anche il settore petrolifero


mondo

Il Texas conta i danni dell'uragano, colpito anche il settore petrolifero

L’uragano Ike, indebolitosi fino a diventare tempesta tropicale, si è lasciato alle spalle devastazione e allagamenti in Texas.

Quasi tre milioni di persone sono rimaste senza elettricità in Texas, Louisiana e Arkansas. Colpito il cuore dell’industria petrolifera statunitense, Houston, la produzione nazionale è stata ridotta di oltre un quinto.

Molte raffinerie sono state chiuse per precauzione. Si tratta dei danni più gravi dal passaggio dell’uragano Katrina.

I primi aiuti sono arrivati tra le polemiche sui ritardi. Le autorità locali hanno chiesto al governo federale di accelerare le operazioni. Sull’amministrazione Bush pesa la cattiva gestione dell’emergenza di tre anni fa.

Due milioni di persone hanno lasciato la regione prima dell’arrivo dell’uragano, duemila tra coloro che hanno ignorato gli ordini di evacuazione sono stati messi in salvo.

A Galveston, città di sessantamila abitanti devastata dall’uragano, sono stati recuperati tre cadaveri. I danni provocati da Ike, che ha anche spinto al rialzo il prezzo della benzina, potrebbero essere pari a 12 miliardi di euro.

In Texas si recherà martedì il presidente Bush.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Ore decisive per il futuro di Alitalia