ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Bolivia, le proteste continuano a infiammare Pando e Santa Cruz


mondo

Bolivia, le proteste continuano a infiammare Pando e Santa Cruz

Bolivia ancora nel caos: due giorni dopo l’entrata in vigore dello stato di assedio nella provincia settentrionale di Pando, le truppe governative hanno assunto il controllo del capoluogo Cobija. Dall’inizio degli scontri tra i sostenitori del governo e quello dell’opposizione, qui sono morte una trentina di persone.

Situazione analoga nella provincia di Santa Cruz, dove le proteste stanno interferendo con le esportazioni di gas naturale, una delle principali entrate della Bolivia.

I governatori delle cinque ricche province ribelli situate nel nord est del paese, contrari al progetto di riforma costituzionale che il presidente Evo Morales vuole fare approvare per referendum, si sono impegnati a mettere un freno alle manifestazioni, in segno di buona volontà.

Il governatore della provincia di Tarija ha tuttavia avvertito che se il dialogo con il governo dovesse interrompersi, il solo responsabile sarebbe lo stesso presidente Morales.

Mentre nella capitale La Paz centinaia di sostenitori del governo sono scesi in piazza a manifestare per la pace, in Cile sta per aprirsi un vertice organizzato dai presidenti dei nove più importanti paesi sudamericani per tentare di trovare una soluzione alla crisi in corso in Bolivia.

Nella provincia boliviana di Pando continua la protesta contro il progetto di riforma costituzionale del presidente Evo Morales.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Ore decisive per il futuro di Alitalia