ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Caso Fritzl" in Polonia

Lettura in corso:

"Caso Fritzl" in Polonia

Dimensioni di testo Aa Aa

Sta suscitando molta emozione in Polonia la scoperta di un caso di incesto simile a quello che ha sconvolto l’Austria qualche mese fa. In quest’altra casa degli orrori, un uomo di 45 anni aveva tenuto segregata per 6 anni la figlia, ora ventunenne, abusando di lei. Dalle violenze sarebbero nati due bambini, nel 2005 e nel 2007. L’uomo è stato arrestato nella Polonia orientale, dopo aver tentato di fuggire in Italia.

La ragazza si era presentata la settimana scorsa alla polizia insieme alla madre, denunciando che il padre la violentava dall’età di 15 anni e le impediva di lasciare la casa.
“Era terrorizzata da lui – ha spiegato la madre e anch’io. Lo è ancora. Quando lo sente nominare, trema e cerca di nascondersi. Lui diceva che voleva ascoltare la musica nella camera di nostra figlia, chiudeva la porta dall’interno, togliendo la maniglia, e io non potevo fare niente.”
La ragazza ora è ospite di alcuni parenti ed è assistita da uno psicologo. Ha raccontato che quando dovette partorire fu accompagnata dal padre in ospedale e, in entrambe le occasioni, fu spinta a dare i bambini in adozione.
“Stiamo verificando se questa donna abbia contattato qualcuno per chiedere aiuto, se abbia chiamato qualche istituzione, se la sua famiglia sapesse del suo calvario, se qualcuno sapesse cosa succedeva in quella casa.”
Il padre l’uomo rischia una condanna a 15 anni per violenza sessuale e sequestro di persona.
La vicenda ricorda quella scoperta mesi fa in Austria, dove un uomo ha tenuto segregata per 24 anni la figlia, che ha partorito 7 bambini.