ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Una partita per la pace. Disgelo tra Armenia e Turchia.

Lettura in corso:

Una partita per la pace. Disgelo tra Armenia e Turchia.

Dimensioni di testo Aa Aa

Potenza dello sport. A rompere il silenzio diplomatico tra Armenia e Turchia ci pensato una partita di calcio o meglio la sfida tra le due nazionali valevole per la qualificazione ai mondiali del 2010. Presente allo stadio di Everan il presidente turco Abdullah Gul, accanto il suo collega armeno Serzh Sarkissian. Una visita storica, fruttuosa e portatrice di speranze di pace, come l’ha definita lo stesso Gul. E infatti placare le tensioni turco-armene vorrebbe dire eliminare un ulteriore, possibile, fattore destabilizzante in un’area così vicina al Caucaso.

Il contenzioso tra i due paesi, che ha portato alla rottura delle relazioni diplomatiche nel 1993, ha radici profonde. Risale alla Prima guerra Mondiale, quando gli Ottomani perpetrarono massacri della popolazione armena. Ad attendere Gul fischi e folla da stadio. Migliaia di persone hanno manifestato contro il leader turco chiedendo di riconoscere come genocidio le uccisioni nel 1915 di un milione e mezzo di armeni.

E chissà che con la partita di ritorno non si risolva anche la questione armena all’interno dello stato turco – ancora non riconosciuta come minoranza da tutelare.