ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Critiche alla "vecchia" politica e al rivale, McCain si presenta come il candidato del cambiamento

Lettura in corso:

Critiche alla "vecchia" politica e al rivale, McCain si presenta come il candidato del cambiamento

Dimensioni di testo Aa Aa

Non ha pronunciato mai il nome George Bush, si è presentato come l’anticonformista e ha fatto ricorso allo slogan del suo rivale, “cambiamento”. A Saint Paul in Minnesota John McCain ha ricevuto l’investitura del partito come candidato nella corsa contro Barack Obama.

Ha ringraziato, senza citarlo, il presidente, il grande assente della convention e non ha risparmiato critiche al partito e alla classe dirigente. “Lasciatemi lanciare un primo avvertimento alla classe politica di Washington, vecchia, spendacciona, che non fa nulla e pensa prima a sé e poi al Paese: il cambiamento sta arrivando”, ha detto McCain.

Un discorso interrotto brevemente da alcuni manifestanti con slogan come :“McCain ha votato contro i veterani”, “Non si vince la guerra con l’occupazione”.

McCain è andato all’attacco di Obama, che ha definito un “burocrate che vuole aumentare le tasse e la spesa pubblica”. Ha poi assicurato che cercherà il dialogo con i democratici. “Ho lavorato con membri di entrambi i partiti per risolvere problemi che dovevano essere risolti. Ed è l’atteggiamento che avrò da presidente. Tenderò la mano a chiunque vorrà aiutarmi a far avanzare il Paese. Ho questo passato e cicatrici che il senatore Obama non ha”.

McCain ha anche reso omaggio alla sua vice Sarah Palin, il cui discorso mercoledì è stato seguito da 37 milioni di telespettatori, quasi quanti quelli di Obama. Gli ultimi sondaggi danno i due candidati testa a testa, con Obama in leggero vantaggio.