ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La BCE lascia invariati i tassi per evitare i rischi inflazionistici

Lettura in corso:

La BCE lascia invariati i tassi per evitare i rischi inflazionistici

Dimensioni di testo Aa Aa

Evitare la corsa al rialzo dei prezzi e anticipare i rischi di ribasso della crescita. Sono queste le principali motivazioni che hanno spinto la Banca centrale europea a lasciare invariati i tassi.

Il tasso di riferimento della BCE rimane quindi al 4,25%. Il presidente Jean Claude Trichet ha detto che l’istituto di Francoforte sarà risoluto nel tenere sotto controllo l’inflazione. E che la Banca Centrale non ha alcuna propensione a mutare i tassi attuali.

“L’economia della zona euro – ha detto Trichet – sta affrontando un periodo di debole attività caratterizzato da prezzi alti delle materie prime che stanno pesando sulla fiducia dei consumatori e stanno riducendo gli investimenti alla crescita. Ci aspettiamo che questo periodo sarà seguito da un recupero graduale”.

La stessa linea di tassi invariati è stata adottata dalla Banca d’Inghilterra che ha lasciato il suo tasso di riferimento al 5%. Le minacce di una recessione potrebbero però far mutare la politica monetaria della Banca centrale britannica mentre si assiste ad un inizio di crisi nel settore immobiliare.

In Svezia invece l’autorità monetaria ha deciso di puntare più sul contenimento dell’inflazione che sul rilancio della crescita economica. La Riksbank ha aumentato di un quarto di punto il suo tasso di riferimento portandolo al 4,75%.