ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna, inchiesta sui 'desaparecidos'

Lettura in corso:

Spagna, inchiesta sui 'desaparecidos'

Dimensioni di testo Aa Aa

Il giudice della Corte Suprema spagnola, Baltasar Garzon, ha promosso un censimento delle migliaia di vittime del franchismo, che risulta essere preliminare e necessario alla riapertura di una maxi inchiesta sulla loro scomparsa. L’indagine conoscitiva ripartirà dal 17 luglio del 1936, giorno in cui scattò il colpo di stato del generale Francisco Franco, secondo Garzon, e che porto’ alla morte oltre 500mila persone.

La decisione di Garzon è stata presa in seguito al ricevimento delle petizioni delle associazioni delle famiglie delle vittime del franchismo, e anche nel rispetto di chi fu sepolto senza nome nelle fosse comuni.

“Il miglior valore contenuto nella ratifica della Costituzione del 1978 – ha detto Mariano Rajoy, leader dell’opposizione – è l’accordo comune degli spagnoli di guardare avanti, al futuro per costruirne uno migliore tutti insieme. Perciò non sostengo l’idea di riaprire le ferite del passato, da chiunche essa arrivi”.

L’iniziativa, definita di importanza storica dalle associazioni dei familiari, intende raccogliere attraverso la richiesta di informazioni rivolta a oltre 23mila parrocchie, ai ministeri e alle istituzioni, ogni più piccola notizia sui ‘desaparecidos’ e sulle vittime della dittatura.