ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele annuncia il rialscio di 200 prigionieri palestinesi del Fatah

Lettura in corso:

Israele annuncia il rialscio di 200 prigionieri palestinesi del Fatah

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governo israeliano ha autorizzato il rilascio di 200 prigionieri palestinesi del Fatah, come gesto di buona volontà nei confronti del presidente dell’Anp Abbas.

Del gruppo fanno parte anche due detenuti da oltre 30 anni, per attacchi anti-israeliani. E’ la prima volta che le autorità israeliane dispongono la liberazione di prigionieri per delitti di sangue.

Una decisione che se alimenta le speranze dei familiari – come spiega Leyla, figlia di un palestinese detenuto per l’uccisione di un ebreo – parallelamente solleva le critiche di molti israeliani.

Meir Endor è il rappresentante di una associazione dei familiari di vittime del terrorismo, e accoglie molto polemicamente la decisione del governo israeliano.

“Il governo israeliano sta commettendo un grave errore. Perché è un errore liberare dei terroristi con le mani sporche di sangue”, dice. “Il messaggio che passa è che il terrore paga”.

Sono più di undicimila i palestinesi prigionieri nelle carceri israeliane. Il tema del loro rilascio costituisce una materia sensibile che, pur facendo parte delle trattative israelo-palestinesi, non cessa di sollevare anche reazioni emotive.