ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca blocca la risoluzione dell'Onu in difesa della Georgia

Lettura in corso:

Mosca blocca la risoluzione dell'Onu in difesa della Georgia

Dimensioni di testo Aa Aa

Facendosi forte del suo diritto di veto, la Russia ha impedito che il Consiglio di sicurezza dell’Onu adottasse una risoluzione sulla Georgia.

La bozza del documento chiedeva non solo il ritiro delle truppe ma invitava anche al rispetto dellintegrità territoriale del Paese, punto che Mosca non accetta ritenendo che le due regioni separatiste dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia non vogliano più ritornare sotto il governo di Tblisi.

Un avvertimento chiaro è invece giunto dalla Nato che ieri, in un summit a Bruxelles, ha annunciato il congelamento dei normali contatti con la Russia.

“Gli Stati Uniti non stanno cercando di isolare la Russia – ha detto il capo della diplomazia americana Condoleezza Rice -. E’ il comportamento della Russia in questa recente crisi la sta isolando dai principi di cooperazione fra le nazioni e fra le comunità degli Stati. E’ quello che succede quando si invadono i vicini più piccoli”.

Mosca ha reagito duramente sottolineando che a cominciare è stata la Georgia con la sua operazione militare del 7 agosto per riprendere il controllo dell’Ossezia del Sud.

“Sembra che la Nato stia cercando di trasformare un aggressore in una vittima e che voglia coprire un regime criminale, salvare un regime che sta collassando. Oltre che contribuire al riarmo degli attuali leader della Georgia”, ha detto il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov.

I 26 Paesi membri dell’Alleanza Atlantica hanno anche deciso di intensificare le relazioni con la Georgia.