ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mosca promette: domani il ritiro delle truppe dalla Georgia

Lettura in corso:

Mosca promette: domani il ritiro delle truppe dalla Georgia

Dimensioni di testo Aa Aa

Domani le truppe russe si ritireranno dalla Georgia: lo ha promesso il presidente russo Dimitri Medvedev, in una telefonata a Nicholas Sarkozy, che in veste di presidente di turno dell’Unione europea ha fatto da mediatore nel cessate il fuoco tra Russia e Georgia.

La notizia arriva dopo una serie di annunci e smentite, e in un momento in cui la situazione sul terreno è tutt’altro che chiara.

Le autorità georgiane accusano il Cremlino di rafforzare le sue posizioni in Georgia, più che prepararsi al ritiro.

A Gori, città strategica su un asse che attraversa il paese, la presenza russa è ancora forte. Per il generale Viacislav Borissov si tratta di misure necessarie a garantire la sicurezza durante e dopo il ritiro. Lo stesso generale assicura che la forza di pace russa sta prendendo il posto dei militari.

Gli abitanti di Gori tornano a casa, ma con poche speranze.

“La situazione è migliorata? – protesta un’abitante di Gori – Dove? Che differenza c‘è se i nostri figli muoiono in montagna o qui?”

Proprio per soccorrere la popolazione georgiana, oltre al ritiro delle truppe sulle posizioni anteriori al conflitto, l’accordo tra Russia e Georgia prevede il libero transito degli aiuti umanitari.