ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Omah celebra tra le polemiche il decimo anniversario della strage

Lettura in corso:

Omah celebra tra le polemiche il decimo anniversario della strage

Dimensioni di testo Aa Aa

La strage di Omah, dieci anni dopo. Circa ventimila persone hanno celebrato l’anniversario del più terribile attentato terroristico perpetrato in Irlanda del Nord.

Una cerimonia da cui si sono dissociate le famiglie di alcune delle vittime, perché sul memoriale appena inaugurato non sarebbe indicata in modo chiaro la responsabilità dell’Ira.

Una controversia che mette in luce le difficoltà a sanare le piaghe dei cosidetti “Troubles”, che in trent’anni hanno fatto 3.500 morti in Irlanda del Nord, dove dal 2007 è in carica un governo condiviso tra cattolici e protestanti.

Il 15 agosto 1998, un’autobomba carica di 250 chili di esplosivo saltò in aria nel centro di Omah, uccidendo 29 persone e ferendone più di duecento. L’attentato fu rivendicato da una branca dissidente dell’Ira, che tentava di boicottare gli accordi di pace firmati alcuni mesi prima.

A dieci anni dalla strage, i responsabili restano ancora in libertà. L’unico imputato è stato prosciolto nel 2007.