ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Via dalla guerra. Gli stranieri lasciano la Georgia

Lettura in corso:

Via dalla guerra. Gli stranieri lasciano la Georgia

 Via dalla guerra. Gli stranieri lasciano la Georgia
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono pochi gli stranieri che nonostante gli inviti delle autorità a lasciare la Georgia scelgono di restare. Per le altre migliaia che ormai da giorni hanno cominciato a lasciare le zone dove si combatte o dove si sente la guerra avvicinarsi è il momento di ritrovare parenti e amici. Duecento italiani oltre ad alcune altre decine di europei hanno fatto rientro oggi a Roma, aeroporto di Ciampino su due aerei dell’aviazione militare.

Il loro viaggio era iniziato ieri. La gran parte dei voli internazionali partono dalla vicina armenia. Il governo polacco è riuscito a rintracciare decine di connazionali individuandoli coi cellulari e inviando sms. Tbilisi, Gori, spesso chi lascia queste città racconta di strade bloccate:“Da Gori abbiamo preso l’ultimo treno – dice un uomo – nessun autobus pulmino o altro poteva partire”.

Sono in molti a raccontare dello scampato pericolo, circa duecento cittadini israeliani, ebrei georgiani, molti uomini d’affari ma anche turisti e immigrati sono Arrivati oggi a Tel Aviv. “Eravamo appena partiti quando tre bombe sono cadute a poca di stanza dall’aeroporto”. Il volo Tbilisi Tel Aviv è uno dei pochi collegamenti diretti ancora attivo con la Georgia.