ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kouchner a Tiblisi pone le condizioni per la soluzione conflitto

Lettura in corso:

Kouchner a Tiblisi pone le condizioni per la soluzione conflitto

Dimensioni di testo Aa Aa

L’abbandono delle armi e il ritiro dei militari prima di tutto. Per porre fine al conflitto, bisogna partire da qui. Lo ha detto il ministro degli Esteri francese Bernard Kouchner, giunto a Tiblisi a nome dell’Unione europea, di cui la Francia è presidente di turno. “Cessate-il-fuoco, accesso alle vittime, ritiro dei soldati, ritorno al tavolo delle trattative, colloqui di pace, soluzione politica. Da questo occorre iniziare. Mi dispiace, è facile a dirsi, molto difficile da farsi”.

Nella capitale georgiana Kouchner – che farà successivamente tappa a Mosca – ha incontrato Mikhail Saakashvili. Per il Presidente georgiano, il mondo non assisteva a una situazione del genere da tantissimo tempo: “Mi ricorda esempi assai negativi del passato – ha detto – stiamo assistendo a una situazione senza precedenti nel mondo da moltissimi decenni. Questa è la crisi internazionale più surreale che posso immaginare”.

La diplomazia è al lavoro per risolvere il conflitto. Oltre a Kouchner, anche il Presidente francese si impegnerà in modo diretto. L’Eliseo ha fatto sapere che Nicolas Sarkozy si recherà a Mosca nei prossimi giorni.