ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ecomia ferma in Spagna

Lettura in corso:

Ecomia ferma in Spagna

Dimensioni di testo Aa Aa

Aumento del tasso di disoccupazione. Crollo della fiducia dei consumatori e recessione in settori sin qui trainanti come il mattone. Che cosa accade all’economia spagnola? A Madrid nessuno vuole usare la parola recessione, ma i dati che confermano la tendenza negativa ci sono tutti. Per il quarto mese consecutivo è aumentato il numero dei senza lavoro.

La fiducia dei consumatori è precipitata da dodici mesi a questa parte e sembra che l’ultimo trimestre dell’anno sarà anche peggiore. La tendenza dovrebbe invertirsi nella seconda metà del 2009. Ormai però sono oltre 2 milioni e 400.000. Il numero maggiore dal 1998. Un aumento secco del 23% da un anno a questa parte. Il 10,44% della popolazione attiva.

Il mercato immobiliare è fermo ma gli analisti ritengono che, con la diminuzione del prezzo del petrolio almeno l’inflazione, oggi al 5,3%, dovrebbe rallentare. Il governo punta al 4% per la fine dell’anno, anche se la cifra pare approssimata per difetto. Madrid dà la colpa di tutto alla congiuntura internazionale negativa, all’Euribor troppo alto e alla scarsa crescita nella zona euro. Finora reggono il comparto agricolo e quello industriale, ma la nottata, per l’economia spagnola, sarà ancora lunga.