ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pechino allenta censura su Internet per giornalisti accreditati ai Giochi

Lettura in corso:

Pechino allenta censura su Internet per giornalisti accreditati ai Giochi

Dimensioni di testo Aa Aa

La Cina allenta la censura su Internet, ma solo per i giornalisti che copriranno i Giochi Olimpici di Pechino. Un passo avanti, dopo le polemiche scoppiate nei giorni scorsi e le richieste di maggiore apertura effettuate dal Comitato olimpico internazionale.

In uno dei rari incontri con la stampa straniera, il presidente cinese Hu Jintao ha dichiarato che il suo paese è pronto ad accogliere i giornalisti. “Per loro la porta è spalancata”, ha detto Hu, auspicando che la copertura mediatica sia obiettiva e conforme alle leggi cinesi.

Parole che fanno pensare a un invito a occuparsi dell’evento sportivo, lasciando da parte la politica.

I siti di Amnesty International e Reporter sans Frontières sono ora consultabili nelle sale allestite per la stampa, non invece nel resto del paese. Restano bloccati, ovunque, i siti legati al movimento spirituale Falun Gong, considerato illegale in Cina, e quelli di dissidenti politici o sostenitori della causa tibetana.

Hu Jintao ha anche dichiarato che, oltre a sostenere il ritmo impetuoso della crescita economica, la Cina intraprenderà riforme di tipo politico dopo i Giochi olimpici, ai quali si è riferito come a un momento storico dello sviluppo del paese.

A pochi giorni dall’apertura dei Giochi, il 4 agosto, il presidente cinese ha insomma toccato alcuni dei punti che avevano acceso maggiori critiche contro la decisone di assegnare le Olimpiadi a Pechino. Il messaggio, a chiare lettere, è di non politicizzare l’evento, perché non aiuterebbe a risolvere i problemi.