ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Degenera il raduno degli ultranazionalisti a Belgrado

Lettura in corso:

Degenera il raduno degli ultranazionalisti a Belgrado

Dimensioni di testo Aa Aa

Una quarantina di persone sono finite al pronto soccorso nelle scorse ore a Belgrado, dopo i disordini scoppiati nella centrale piazza della Repubblica tra le forze dell’ordine e centinaia di giovani dimostranti del Partito nazionalista serbo.

In quindicimila si erano dati appuntamento per protestare contro l’annunciato trasferimento di Radovan Karadzic al Tribunale penale internazionale dell’Aja. Gli scontri sono iniziati verso la fine del raduno, quando la polizia si è avvicinata in forze. I manifestanti si sono rivolti agli agenti chiamandoli “traditori”, inneggiando a Karadzic come a un eroe e scandendo slogan contro il nuovo governo europeista serbo.

Il raduno era stato organizzato, tra gli altri, dagli ultranazionalisti del partito radicale serbo Tomislav Nikolic, sconfitto di misura alle scorse elezioni. I disordini sono scoppiati quando questi ha preso la parola, nonostante il suo appello alla calma.