ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tensioni tra la Libia e la Svizzera dopo l'arresto di Gheddafi jr.

Lettura in corso:

Tensioni tra la Libia e la Svizzera dopo l'arresto di Gheddafi jr.

Dimensioni di testo Aa Aa

Minacce di ulteriori ritorsioni dalla Libia se la Svizzera non si scuserà per il caso di Hannibal Gheddafi. Il figlio del colonnello Muammar, arrestato il 15 luglio a Ginevra, sostiene di essere stato maltrattato dalla polizia elvetica. Gli agenti, accusa il quartogenito, gli avrebbero messo un cappuccio e puntato una pistola alla testa. Versione smentita dalla polizia.

Il Paese arabo ha già ridotto i collegamenti aerei con la Svizzera, sospeso la concessione di visti ai suoi cittadini, ordinato la chiusura delle imprese elvetiche in Libia e fermato i responsabili locali delle compagnie Nestlé e Abb.

Jean Philippe Jeannerat, portavoce del ministero degli esteri di Berna, è serio: “E’ una situazione straordinaria, non mi ricordo di nulla di simile negli anni passati. Ha tutto il potenziale di una crisi. Ma giustamente se abbiamo inviato una delegazione è per cercare di prevenire una crisi”.

Hannibal Gheddafi, che in passato ha avuto guai con la giustizia francese per violenze e eccesso di velocità, questa volta è stato fermato insieme alla moglie in un albergo di lusso di Ginevra per aver percosso due domestici.