ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tagli alle forze armate: la Francia s'indigna

Lettura in corso:

Tagli alle forze armate: la Francia s'indigna

Dimensioni di testo Aa Aa

La Francia riduce le caserme e sopprime i reggimenti. Ma la prestigiosa brigata franco-tedesca forse non sarà cancellata. Il primo ministro Francois Fillon ha presentato la riforma dell’apparato militare. Per salvare la brigata, ha fatto capire il numero uno del Matignon, è necessario che i comandi, attualmente dislocati in Germania, passino il confine.

In ogni caso i tagli, in Francia, saranno consistenti. Progressivamente, entro il 2009, saranno chiuse 83 tra basi e caserme e 33 saranno trasferite. Entro il 2015 l’esercito dovrà rinunciare a 20 tra reggimenti e battaglioni, l’aviazione a 11 basi e la marina a una.

“Per la nostra economia è un disastro, una catastrofe” afferma un abitante di una delle aree interessate dai tagli.

Il governo francese si giustifica con ragioni di modernizzazione piú che di bilancio.

Verranno ridotti gli effettivi, dismessi i mezzi antiquati e abbandonate le strutture vetuste per fare spazio alla nuova tecnologia.