ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Entusiasmo in Europa per arrivo Obama, ma niente discorso da Porta di Brandeburgo

Lettura in corso:

Entusiasmo in Europa per arrivo Obama, ma niente discorso da Porta di Brandeburgo

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il Medio Oriente, l’Europa. Berlino, Parigi e Londra aspettano Barack Obama. Il Senatore dell’Illinois arriva nel Vecchio Continente per la prima volta da candidato alla Casa Bianca. In Germania ad attenderlo si stima ci saranno migliaia di persone, anche se non potrà parlare dalla Porta di Brandeburgo, come avrebbe voluto. Dovrà farlo dalla Colonna della Vittoria.

“Credo che la Porta di Brandeburgo – ha detto il Cancelliere tedesco Angela Merkel – sia un luogo adatto per ogni Presidente americano, così come per ogni altro presidente. Ci sono tanti luoghi dove potere tenere un discorso. Può sembrare un ragionamento un po’ all’antica, ma la decisione è già stata presa e siamo contenti che il Senatore arrivi qui”.

Dalla Porta di Brandeburgo Clinton, Reagan e Kennedy avevano pronunciato frasi passate alla storia. Ma mai un candidato alla presidenza vi ha tenuto un discorso. Obama alla Casa Bianca non è ancora arrivato e dovrà dunque rimediare. Potrà parlare dalla Colonna della Vittoria, dove sarà comunque accolto da una folla di simpatizzanti.
Secondo alcuni sondaggi, se gli europei potessero votare alle presidenziali di novembre, sceglierebbero lui e non il rivale repubblicano John McCain. I più entusiasti, gli italiani.

Il professore Harald Wenzel, della Freie Universität di Berlino, spiega il perché di questa “Obamamania”: “Certamente ci sono paralleli con Kennedy. Kennedy era molto carismatico, Kennedy rappresentava nuovi orizzonti e faceva breccia soprattutto sui giovani, come Obama. D’altro canto, occorre dire che l’Europa e i tedeschi hanno avuto certe esperienze con la presidenza statunitense negli ultimi otto anni, esperienze delle quali non tutti sono contenti”.

Dopo Berlino, Obama si recherà a Parigi e a Londra. Anche qui incontrerà i leader politici, dal presidente francese Nicolas Sarkozy al premier britannico Gordon Brown. Anche qui, ad attenderlo ci saranno migliaia di sostenitori.