ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Sarajevo, festa per le strade alla notizia dell'arresto di Karadzic


Bosnia-Erzegovina

Sarajevo, festa per le strade alla notizia dell'arresto di Karadzic

La notizia dell’arresto di Radovan Karadzic arriva in una Sarajevo in festa che ormai da tempo aveva smesso di aspettare giustizia per i crimini della guerra in Bosnia. Un sospiro di sollievo lo tira Haris Silajdzic, esponente musulmano della presidenza tripartita:

“Centinaia di migliaia di bosniaci sono stati espulsi dalle loro case con la minaccia della vita. La giustizia deve essere integrale. Bisogna ancora estirpare le conseguenze del genocidio in Bosnia. Il progetto di Milosevic e Karadzic è ancora vivo in Bosnia”.

Reazioni all’arresto di quello che è considerato il responsabile della morte di 11000 musulmani nei 43 mesi di guerra sono arrivate da Richard Hollbrooke, il diplomatico statunitense a cui si devono gli accordi di Dayton che misero fine al conflitto nei Balcani. “Era il principale ricercato del continente, l’Osama bin-Laden d’Europa”, ha detto.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Arrestato dopo 16 anni di latitanza Radovan Karadzic, ex presidente dei serbi di Bosnia