ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Belgio in festa oggi tra crisi politica e divisioni interne

Lettura in corso:

Belgio in festa oggi tra crisi politica e divisioni interne

Dimensioni di testo Aa Aa

In un clima di grave crisi politica il Belgio celebra oggi la sua festa nazionale. Mentre i leader politici stanno tentando di ricomporre la frattura che divide le regioni di lingua francese e fiamminga il re del Belgio Alberto II, ieri nel suo tradizionale messaggio in vista delle celebrazioni, ha rivolto al paese un forte appello all’unita’.

Senza mai citare espressamente la situazione politica, re Alberto II ha sottolineato come l’unione e la tolleranza siano l’unica via d’uscita alla crisi. “

“Dobbiamo inventare nuovi modi di vivere insieme nel nostro paese”. Re Baldovino, ha proseguito Alberto II, facendo riferimento al defunto fratello ancora molto amato dai belgi – era profondamente attaccato a tutti quei valori sui quali si basa la nostra società”.

Giovedì scorso il re aveva respinto le dimissioni del primo ministro, il fiammingo Yves Leterme, presentate a quattro mesi dall’incarico.
Leterme ha gettato la spugna di fronte all’ennesimo fallimento di un’intesa tra fiamminghi e francofoni sulla riforma dello Stato.

Gli abitanti delle Fiandre, la regione più ricca del nord, chiedono una maggiore autonomia, temuta invece dalla Vallonia, regione del sud di lingua francese.

Il tormentone in Belgio, con alterne vicende, dura da più di un anno, dopo le politiche del giugno 2007. A un mese dalla vittoria il fiammingo Leterme, confuse davanti ai giornalisti, forse per scherzo o forse volontariamente, l’inno belga con la Marsigliese.