ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Terre incolte ai privati, Raul Castro adotta misure per ridurre la dipendenza dalla produzione straniera

Lettura in corso:

Terre incolte ai privati, Raul Castro adotta misure per ridurre la dipendenza dalla produzione straniera

Dimensioni di testo Aa Aa

Con un occhio ai profitti e alla produzione Cuba avvia una nuova riforma: la distribuzione di terreni statali incolti ai privati.

Questi potranno estendere fino a 40 ettari la superficie delle coltivazioni. Lo scopo secondo il decreto approvato dal presidente Raul Castro è favorire la produzione agricola di fronte al boom mondiale dei prezzi degli alimenti.

Le terre incolte, in base al decreto pubblicato dall’organo ufficiale del partito comunista Granma, saranno assegnate ai privati per un periodo di 10 anni rinnovabile, di 25 per aziende e cooperative statali.

Cuba importa l’84 per cento delle sue risorse alimentari:nel 2007 ha speso quasi un miliardo e mezzo di dollari. E’ l’ultima di una serie di riforme lanciate per migliorare l’efficienza dell’economia cubana da Raul Castro che ha preso ufficialmente il posto del fratello Fidel a febbraio.