ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele rende omaggio ai suoi morti

Lettura in corso:

Israele rende omaggio ai suoi morti

Dimensioni di testo Aa Aa

Israele ha potuto dare finalmente sepoltura ai suoi morti, ai due soldati rapiti due anni fa e sulla cui sorte fino a ieri era pesata l’incertezza.

Hezbollah non aveva mai confermato la loro morte mentre si negoziava uno scambio di prigionieri. Ora l’autopsia sembra confermare che i due sono morti al momento del sequestro.

Eldad Regev, che allora aveva 27 anni, è stato sepolto con gli onori militari ad Haifa, nel nord di Israele.

Alla cerimonia il ministro della difesa Ehud Barak ha promesso che Israele si impegnerà sempre a portare a casa tutti i suoi soldati, per quanto alto possa essere il prezzo da pagare.

Il ministro ha assistito anche ai funerali di Ehud Goldwasser, a Nahariya. Goldwasser aveva 31 anni.

La moglie Karnit negli ultimi due anni ha portato avanti una vera campagna per la liberazione del marito, arrivando a chiederne conto direttamente al presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad, visti i legami tra l’Iran e Hezbollah.

I due soldati israeliani vennero rapiti al confine libanese nel luglio del 2006. Allora il governo di Ehud Olmert lanciò l’offensiva nel sud del Libano per non cedere alle richieste di Hezbollah. Richieste che ha dovuto soddisfare ora, due anni e centinaia di morti più tardi.