ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chiesa anglicana divisa sulle donne vescovo

Lettura in corso:

Chiesa anglicana divisa sulle donne vescovo

Dimensioni di testo Aa Aa

È l’ordinazione delle donne vescovo ad aver diviso di più, nelle ultime settimane, gli anglicani. Principio sostenuto dalla Chiesa episcopale, costola americana della Chiesa anglicana, a cui il sinodo generale ha dato il via libera pochi giorni fa tra mille polemiche.

Katharine Jefferts Schori è la prima donna a essere stata eletta, nel 2006, a capo della Chiesa episcopale americana. “Penso che Dio accolga tutti a questa tavola – ha affermato – che si sia d’accordo o meno. E la Chiesa episcopale si è sempre pronunciata a favore dell’inclusione delle diverse teologie e opinioni”.

L’ordinazione delle donne vescovo è stata sostenuta dall’arcivescovo di Canterbury Rowan Williams, leader spirituale della chiesa anglicana. “Dal punto di vista di qualcuno che è a favore dell’ordinazione episcopale delle donne – ha detto l’arcivescovo nei giorni scorsi – sono molto scontento di ascoltare le differenti posizioni che tendono a umiliare le donne che potrebbero accedere all’episcopato”.

Dura l’opposizione dei conservatori. Alla fine di giugno si sono riuniti a Gerusalemme per discutere sul futuro della Chiesa anglicana che, secondo loro, deve basarsi su di una interpretazione più rigorosa della Bibbia.

“Gli scontri sono molto profondi, e su questioni spirituali” ha affermato l’arcivescovo di Sydney Peter Jensen. “Non si stratta solo di questioni politiche, si tratta di argomenti spirituali che dipendono profondamente dalle opinioni, che possono cambiare. Forse dobbiamo cambiare noi, non lo penso, ma può essere. Dobbiamo sapere ciò che Dio ha da dire”.

L’arcivescovo di Canterbury è il capo spirituale della Chiesa anglicana ma non ha potere sulla province ecclesiastiche, che sono autonome. Non può quindi porre fine a questo dibattito tra liberali e conservatori, divisi anche in merito all’ordinazione degli omosessuali.

Gene Robinson, vescovo omosessuale di New Hampshire dal 2003, è stato contestato la scorsa domenica mentre celebrava la messa. Rowan Williams l’ha poi escluso dalla Conferenza di Lambeth per tentare di preservare l’unità della Chiesa anglicana.