ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bloccate 100 donne bosniache che volevano commemorare il massacro di Srebrenica

Lettura in corso:

Bloccate 100 donne bosniache che volevano commemorare il massacro di Srebrenica

Dimensioni di testo Aa Aa

Le tensioni etniche in Bosnia non sono sopite. La polizia serbo-bosniaca ha impedito a un centinaio di donne musulmane bosniache di deporre fiori in un deposito vicino a Srebrenica dove i loro cari vennero assassinati.

Nel massacro di Srebrenica, il peggiore della storia europea dalla seconda guerra mondiale, 8.000 uomini e adolescenti musulmani furono uccisi perseguendo un disegno di genocidio.

Non potendo giungere nel luogo dell’esecuzione, le donne si sono raccolte in preghiera in un campo da calcio dove 13 anni fa le future vittime vennero dapprima radunate.

“Mio figlio è stato ucciso là, forse mio fratello, non lo so – dice la signora Kada Hotic -. Voglio andare lì per commemorare l’accaduto, per alzare le mani e pregare, per ricordare”.

Le autorità serbo-bosniache hanno definito il pellegrinaggio una provocazione che avrebbe creato rischi di scontri con la popolazione locale.

Tredici anni dopo Srebrenica solo 3.200 delle 8.000 vittime sono state identificate e sepolte.