ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sudan, il presidente respinge le accuse della Corte dell'Aja

Lettura in corso:

Sudan, il presidente respinge le accuse della Corte dell'Aja

Dimensioni di testo Aa Aa

All’indomani della richiesta di arresto per il presidente sudanese Omar al-Bashir, accusato di genocidio dalla Corte dell’Aja, per le strade della capitale Karthum i fedelissimi del capo dello stato hanno manifestato in suo appoggio.

Ma oltre alle risposta della piazza, l’iniziativa del procuratore Moreno-Ocampo ha causato anche una reazione ufficiale da parte dello stesso presidente al-Bashir, che è apparso in tv per negare che la Corte dell’Aja abbia giurisdizione sul suo paese.

Le accuse a carico del presidente sudanese sono riferite ai massacri nella provincia del Darfur, dove da anni le milizie janjaweed, che secondo l’accusa sono finanziate da Karthum, eliminano sistematicamente le popolazioni locali.

A difesa del presidente al-Bashir si è già espressa la Cina, che nella regione costituisce ormai il principale attore economico, soprattutto grazie all’acquisto delle produzioni minerarie e petrolifere sudanesi.