ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Frizioni tra fiamminghi e francofoni: si dimette il primo ministro belga

Lettura in corso:

Frizioni tra fiamminghi e francofoni: si dimette il primo ministro belga

Dimensioni di testo Aa Aa

Il primo ministro del Belgio ha presentato le sue dimissioni. Yves Leterme lo ha fatto in un incontro riservato con il Re Alberto II, che può accettarle, respingerle o anche lasciare planare il dubbio per qualche giorno.

Il Paese è entrato lo scorso anno in una fase di crisi politica acuta dominata dalle frizioni fra le due principali comunità linguistiche del Paese. I partiti che le rapprentano avevano dovuto negoziare per ben NOVE mesi prima di arrivare alla formazione del governo Leterme.

Politico fiammingo nato da madre francofona, il premier Yves Leterme ha offerto le sue dimissioni nel giorno in cui avrebbe dovuto presentare un accordo sulle riforme istituzionali, che non si è trovato.

A puntare i piedi con più determinazione è stato paradossalmente proprio il suo partito cristiano-democratico che esigeva un federalismo fiscale che portasse maggior vantaggio alle regioni abitate dai fiamminghi, che rappresentano il 60% della popolazione belga.

A complicare il quadro ci sono anche rivendicazioni su una circoscrizione elettorale bilingue della periferia di Bruxelles dove la maggioranza fiamminga vorrebbe escludere i partiti francofoni.