ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al via consultazioni per risolvere crisi dopo dimissioni Leterme

Lettura in corso:

Al via consultazioni per risolvere crisi dopo dimissioni Leterme

Dimensioni di testo Aa Aa

Una serie di consultazioni per risolvere la nuova crisi del Belgio. Il Re Alberto II ha iniziato i colloqui con i rappresentati politici del Paese, dopo le dimissioni del premier Yves Leterme. Il sovrano deve decidere se accettarle o respingerle. A soli quattro mesi dall’arrivo alla guida del governo, Leterme ha gettato la spugna a causa del mancato raggiungimento di un accordo sulle riforme istituzionali. Ed ecco che il Paese è precipitato in una nuova profonda crisi, di nuovo causata dalle insormontabili divergenze tra fiamminghi e francofoni.

Marianne Thyssen, presidente dei Cristiano-Democratici, il partito di Leterme, ha commenta la decisione del premier: “Considerando le circostanze – ha detto – sono assolutamente convinta di questo. Il Primo ministro Leterme ha fatto tutto, davvero tutto quanto era nelle sue responsabilità”. Questa volta a impuntarsi è stato in particolare proprio il partito di Leterme, che esigeva un federalismo fiscale più conveniente per le regioni abitate dai fiamminghi.

I riflettori sono ora puntati sul Re e sulle sue decisioni. Una delle ipotesi di cui si parla è un possibile incarico al vice premier e ministro delle Finanze Didier Reynders. L’opposizione chiede invece di andare al voto. Un’opzione potrebbe essere quella della permanenza in carica di Leterme per gli affari correnti fino alle elezioni regionali ed europee del 2009, alle quali accorpare le legislative anticipate.