ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Unione per il Mediterraneo, attesa per gli esiti del Vertice di Parigi

Lettura in corso:

Unione per il Mediterraneo, attesa per gli esiti del Vertice di Parigi

Dimensioni di testo Aa Aa

Sarà una dichiarazione congiunta di una decina di pagine a chiudere, stasera, il Vertice di Parigi per il Mediterraneo. Una iniziativa tra le più importanti del semestre francese di presidenza dell’Unione europea, che punta a creare uno spazio sovranazionale dalla Groenlandia al deserto del Sahara.

Non pochi gli ostacoli lungo il cammino, come lo scetticismo del cancelliere tedesco Merkel, che non vuole duplicare l’Unione europea, o la diffidenza del presidente libico Gheddafi, che teme un depotenziamento della Lega Araba e dell’Unione africana.

Ma il Vertice di Parigi è anche l’occasione per una offensiva politica che ridisegna l’ordine delle relazioni tra i paesi dell’area. Ieri, alla presenza del presidente Sarkozy, Bashar el-Assad e Michel Suleiman, hanno annunciato la ripresa dei rapporti diplomatici tra Damasco e Beirut.

Un elemento di distensione che potrebbe fare da preludio per l’avvio di colloqui tra Siria e Israele, con la Francia a svolgere un ruolo di mediazione.