ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Papa in Australia contestato dalle associazioni per la difesa delle vittime della pedofilia

Lettura in corso:

Il Papa in Australia contestato dalle associazioni per la difesa delle vittime della pedofilia

Dimensioni di testo Aa Aa

Papa Benedetto XVI è giunto a Sydney, in Australia, per partecipare alla Giornata Mondiale della Gioventù.

Ad accogliere il pontefice, oltre al primo ministro australiano Kevin Rudd, c’era anche il governatore del Nuovo Galles del Sud, l’italo-australiano Morris Iemma.

Joseph Ratzinger si è poi diretto a Kenthurst, sulle pendici delle Montagne Blu, dove trascorrerà tre giorni di riposo in una struttura dell’Opus Dei prima dell’inizio della sua visita ufficiale.

Non mancano tuttavia le polemiche, soprattutto sui temi dell’omosessualità, della pedofilia, e del modo scelto dalla chiesa di Roma di affrontare le questioni.

Parlando coi giornalisti durante il volo, il papa ha ribadito l’incompatibilità tra pedofilia e sacerdozio, ma a Melbourne, già prima del suo arrivo, erano già scesi in strada i manifestanti che accusano la chiesa cattolica di non far nulla per aiutare le vittime degli abusi sessuali subiti da parte di esponenti del clero.

“Fanno solo parole”, dice questa avvocato, “senza cambiare il sistema che hanno messo in piedi in Australia”.

Secondo le associazioni, sono almeno 107 i casi documentati di molestie sessuali compiute da sacerdoti australiani.