ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gli Usa: "il test iraniano conferma l'utilità dello scudo anti-missili". Il presidente russo Medvedev si dice deluso e preoccupato

Lettura in corso:

Gli Usa: "il test iraniano conferma l'utilità dello scudo anti-missili". Il presidente russo Medvedev si dice deluso e preoccupato

Dimensioni di testo Aa Aa

I test missilistici iraniani vengono considerati dagli Stati Uniti come una provocazione.
Provocazione che conferma, se ce ne fosse stato bisogno, la fondatezza dei timori che covano a Washington e la necessità di farvi fronte.

E’ questa in sostanza la posizione che il segretario di stato Condoleeza Rice, in queste ore in visita a Sofia, ha espresso senza giri di parole traendone spunto per difendere il contestato progetto di costruzione di uno scudo antimissilistico.

“Spero – ha detto – che la Russia guarderà a quanto sta succedendo e si renda conto che l’Iran possiede per davvero dei missili a lunga gittata e che questo non è nell’interesse di nessuno neppure di Mosca”.

I russi pero’ non sono sulla stessa lunghezza d’onda. Il presidente Medvedev ha ribadito tutto il suo disappunto per la volontà americana di procedere comunque alla costruzione dello scudo.

“L’accordo siglato ieri a Praga cambia di fatto la situazione e gli equilibri strategici – ha spiegato Medvedev – sono deluso e dispiaciuto”.

Ieri a Praga la Rice ha siglato con i cechi l’accordo che da il via libera alla costruzione del maxi-radar che dovrebbe proteggere l’Occidente da eventuali attacchi iraniani. Mosca ha minacciato di rispondere a quella che vive come un’invasione di campo rafforzando il proprio dispositivo militare.