ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Una disponibilità al dialogo con le grandi potenze sulle proprie attività nucleari potrebbe essere presa in cosiderazione dalle autorità di Tehran

Lettura in corso:

Una disponibilità al dialogo con le grandi potenze sulle proprie attività nucleari potrebbe essere presa in cosiderazione dalle autorità di Tehran

Dimensioni di testo Aa Aa

Le ultime prese di posizione sul delicato dossier atomico mondiale racchiudono qualche nuovo elemento positivo. Pronto a partire per il g8 in Giappone George W. Bush, parlando della politica nucleare di Iran e Nord Corea ha affermato.

Ho sempre detto che tutte le opzioni sono sul tavolo, ma per gl istati uniti la prima a cui ricorrere per la soluzione del problema è quella diplomatica. Ho anche ribadito che per una soluzione diplomatica è necessaria la presenza di più soggetti. Noi perseguiamo una politica di dialogo multilaterale.

I paesi chiamati a gestire il dossier Iran per le Nazion Unite, USA Russia Cina Gran Bretagna Francia e Germania, attendono un pronunciamento ufficiale del governo iraniano sulla disponibilità a trattare per sospendere la produzione di uranio arricchito.

Le voci dei giorni scorsi su un possibile piano di attacco israeliano alle installazioni atomiche iraniane avevano accresciiuto le tensioni che però il ministro degli esteri iraniano Manucher motteki parlando ieri all’onu ha eivato di attizzare.

Se la natura delle offese vira sul versante militare è chiaro che quello resterà il linguaggio. Preferiamo che il contesto rimanga politico e diplomatico così che politiche e diplomatiche siano le soluzioni.

Almeno, il barometro delle relazioni Usa Iran stando alle dichiarazioni più recenti non preannuncia tempesta. La lascia solo sullo sfondo.