ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Attentato di Gerusalemme: salvo un bambino di sei mesi

Lettura in corso:

Attentato di Gerusalemme: salvo un bambino di sei mesi

Dimensioni di testo Aa Aa

Sopravvissuto all’attentato che ha ucciso sua madre. Efrat ha sei mesi: ieri mattina era nell’auto condotta dalla mamma, centrata in pieno dalla pala della ruspa che ha seminato morte in pieno centro a Gerusalemme. Piangeva. I soccorritori lo hanno portato in ospedale. Spaventato ma salvo. Oltre alla madre di Efrat, il palestinese alla guida del caterpillar, ha ucciso altre due persone e ne ha ferite un’ottantina prima di essere freddato da un poliziotto e da due civili.

30 anni, sposato e padre di due figli, Houssam Taysir Dwayat abitava nel villaggio arabo di Zur Baher.

“É morto come un martire” ha urlato dal balcone di casa la suocera, fiera del suo sacrificio.

Per le autorità israeliane nessun dubbio che si sia trattato di un attentato, nonostante la dinamica insolita.

Un errore per il presidente israeliano Shimon Peres.

“É stato un tentativo di distruggere la situazione tranquilla e controllata di Gerusalemme. É stato un errore perchè arabi ed ebrei vivono quotidianamente in pace a Gesusalemme”.

L’attentato è stato rivendicato dal poco noto “I Liberi della Galilea”. Hamas e Jihad islamica lo hanno apprezzato.