ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Da Londra a Vilnius si estende la protesta contro il caro-gasolio

Lettura in corso:

Da Londra a Vilnius si estende la protesta contro il caro-gasolio

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli autotrasportatori britannici hanno portato la loro protesta contro il caro gasolio fin davanti al parlamento di Westminster, a Londra.

Al cancelliere Alistair Darling chiedono di rinunciare al piano di aumentare la tassa sul carburante di due centesimi di sterlina al litro a partire da ottobre. Rivendicano anzi dei tagli, dal momento che in Gran Bretagna le tasse sul diesel sono ancora più elevate che in altri paesi europei, come Francia e Germania. Un fatto che penalizza la categoria rispetto alla concorrenza.

“Non possiamo continuare ad andare avanti così, bisogna fare qualcosa. Il prezzo del carburante continua a salire, costa ogni giorno di più, così non ce la facciamo. Per cominciare, il governo dovrebbe abassare i prezzi, oppure rimborsarci”.

“Il gasolio in Gran Bretagna è più caro che altrove, non possiamo più competere sul piano internazionale con chi viene da fuori. Di questo passo dovremo chiudere”.

Dopo la Francia, l’Italia e la Spagna, dove gli autotrasportatori sono tornati a manifestare nei giorni scorsi, la protesta si è allargata alla Lituania. Centinia di camion hanno occupato una delle principali vie di accesso alla capitale Vilnius, per chiedere al governo di rivedere la sua politica di tasse sul carburante.