ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dal vertice dell'Unione Africana di Sharm el-Sheik, Robert Mugabe riparte un po' più isolato

Lettura in corso:

Dal vertice dell'Unione Africana di Sharm el-Sheik, Robert Mugabe riparte un po' più isolato

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo l’Italia che ha richiamato l’ambasciatore nello Zimbabwe, arriva la Francia, che a nome dell’Unione europea annuncia che riconoscerà un governo solo se sarà guidato dal leader dell’opposizione Tsvangirai.

All’ottantaquattrenne presidente, rieletto con un ballottaggio-farsa senza avversari, il Vertice propone lo scenario di un potere condiviso. Una soluzione alla keniana, che però non piace all’opposizione.

Morgan Tsvangirai lascia l’ambasciata olandese in cui si era rifugiato, e boccia l’ipotesi.

“Non funziona perché si basa sul modello di potere condiviso tra elites che non significa nulla per il popolo. E’ uno schema da governo di unità nazionale, mentre noi puntiamo a una transizione, a una nuova Costituzione, a demilitarizzare le istituzioni, a riformarle e infine ad andare a nuove elezioni”.

Sanzioni contro Harare potrebbero essere chieste tra qualche giorno al Consiglio di sicurezza dell’Onu da parte degli Sttai Uniti.