ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il serbatoio di gas della Bolivia volta le spalle a Evo Morales

Lettura in corso:

Il serbatoio di gas della Bolivia volta le spalle a Evo Morales

Dimensioni di testo Aa Aa

La regione di Tarija, dove si trova la quasi totalità delle riserve energetiche della Bolivia, ha votato in massa per l’autonomia, con un referendum che il governo centrale considera illegale.

“Questo voto è per il bene della gente – ha detto il governatore della regione Mario Cossio – Questo voto è per Tarija e per la nostra patria, la Bolivia”.

Tarija è la quarta provincia ribelle a sfidare il governo socialista di La Paz. La prima a votare l’autonomia è stata Santa Cruz, motore economico del paese andino, seguita poi dalle provincie settentrionali di Pando e Beni.

Con un paese in piena crisi politica e sociale, Morales ha convocato un referendum nazionale in agosto, in cui rimette in gioco il suo mandato.

“Il 10 agosto i boliviani sceglieranno se continuare sulla strada del cambiamento o tornare al modello neoliberale”.

Tarija ha già scelto, bocciando la politica di nazionalizzazione delle risorse voluta da Morales.

Oggi i governatori delle regioni autonomiste si riuniscono per studiare le prossime mosse.