ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Berlusconi attacca Veltroni: Roma in grave deficit

Lettura in corso:

Berlusconi attacca Veltroni: Roma in grave deficit

Dimensioni di testo Aa Aa

Quel che è certo è che Roma ha un debito da capogiro. Il resto è bagarre politica fra il sindaco della capitale e l’opposizione. Le accuse di Gianni Alemanno all’ex titolare del Campidoglio Walter Veltroni sono pesanti: aver occulatato parte del deficit del Comune. Oltre otto miliardi secondo la giunta di centro destra. Il Premier Silvio Berlusconi lancia l’affondo da Bruxelles:

“Credo che se saranno confermate le notizie che noi abbiamo si tratta di una bancarotta e quindi gli amministratori di Roma saranno dei falliti che non credo che possano nemmeno più proseguire una carriera politica”.

L’epoca del dialogo è morta e sepolta. Veltroni contrattacca:

“Non posso accettare che si diano giudizi con la violenza che è tipica dell’uomo e anche con la scarsa conoscenza del merito dei problemi che è tipica da parte di chi nel giro di soli 4 anni, tra il 2001 e il 2005, il Presidente del consiglio di allora Silvio Berlusconi, ha lasciato all’Italia un aumento di 30 miliardi di euro in più di deficit”.

Standard and Poor’s, agenzia che certifica i bilanci, spiega poi che il debito è quello conosciuto: sei virgola nove miliardi. Abbastanza comunque per cancellare la spesa delle Notti Bianche.