ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Ue non risolve il nodo Irlanda. Annunciato per oggi il dettaglio delle misure contro il caro-prezzi

Lettura in corso:

L'Ue non risolve il nodo Irlanda. Annunciato per oggi il dettaglio delle misure contro il caro-prezzi

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Unione Europea non fissa una scandenza per l’Irlanda. Il Paese, che ha respinto per referendum il nuovo trattato europeo, detto “di Lisbona” – avrà tempo per riflettere su possibili soluzioni. Lo hanno deciso i capi di stato e di governo dell’Unione Europea a Bruxelles, al termine del primo giorno del loro summit.

Dell’argomento si riparlerà a ottobre. Fino a quel momento meglio concentrare gli sforzi sui problemi concreti dei cittadini, secondo il prossimo presidente di turno, il francese Nicolas Sarkozy: “La questione dell’Irlanda non semplifica il nostro compito ma io cerco di farne un argomento in più per convincere i nostri partner ad agire concretamente mentre circoscriviamo il problema istituzionale alla questione irlandese”.

La speranza è che gli ultimi sette Paesi, fra cui l’Italia, che non hanno ancora ratificato il trattato lo facciano presto per aumentare la pressione sugli irlandesi.

Dei problemi concreti ha parlato il capo dell’esecutivo europeo: “Gli europei aspettano risposte all’aumento dei prezzi degli alimenti e del petrolio – ha detto José Manuel Durao Barroso -. Abbiamo a cuore le loro preoccupazioni e le loro ansie. Tutto non può essere risolto solo a livello nazionale – e l’Europa è pronta a contribuire a una soluzione – ma anche l’Europa da sola non può risolvere tutto”.

Sì quindi a provvedimenti nazionali come la tassa Robin Hood sugli extra-profitti dei gruppi petroliferi, come ha fatto l’Italia, e sì anche ad aiuti a chi soffre di più per la crisi, purché si tratti di persone o famiglie disagiate.

Le conclusioni dettagliate saranno rese note oggi.

Di preciso, ieri sera, si conoscevano solo i gol della Germania