ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Governo olandese trascinato in tribunale per la strage di Srebrenica

Lettura in corso:

Governo olandese trascinato in tribunale per la strage di Srebrenica

Dimensioni di testo Aa Aa

I parenti delle vittime del massacro di musulmani di Srebrenica, in Bosnia, hanno citato in tribunale il governo olandese, con l’accusa di complicità nella strage. I familiari dei morti ritengono che l’inerzia dei soldati olandesi dell’Onu, che avrebbero dovuto proteggere l’enclave musulmana, sia equivalente a un concorso di responsabilità.

La Corte dell’Aja dovrà ora pronunciarsi sulla propria competenza in materia. L’azione giudiziaria segue di poco l’avvio di un altro processo, davanti alla Corte penale internazionale, contro l’Onu e il governo olandese per gli stessi fatti.

Nel 1995, in pieno conflitto dei Balcani, la cittadina bosniaca di Srebrenica, popolata in maggioranza da musulmani, era sotto la protezione dei caschi blu olandesi, quando un attacco delle forze serbo-bosniache finì col massacro di più di 8000 civili.

Della strage sono accusati anche Ratko Mladic e Radovan Karadzic, il primo capo militare e il secondo politico dei serbo-bosniaci, entrambi latitanti.