ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Iran: il caro petrolio è frutto della speculazione


società

Iran: il caro petrolio è frutto della speculazione

Il caro petrolio è dovuto alla speculazione e alla debolezza del dollaro. E’ la conclusione alla quale è giunto il presidente dell’Iran Mahmoud Ahmadinejad parlando alla conferenza dell’Opec per lo sviluppo internazionale nella città iraniana di Isfhan.

“La debolezza del dollaro. dice il numero uno iraniano ha provocato enormi fluttuazioni sui mercati dei capitali e alimentato uno sviluppo abnorme delle attività speculative con enormi masse di denaro indirizzate sul mercato del petrolio”.

Oggi l’attuale produzione dei paesi aderenti all’Opec supera di poco i 32 milioni di barili al giorno in calo rispetto ai quais 36 milioni registrati nel 2007 e agli oltre 34 milioni contabilizzati rispettivamente nel 2005 e nel 2006.

Una produzione quella attuale che non è in grado di soddisfare la domanda: è il pensiero dell’Arabia Saudita che ha diceso di aumentare di 200 mila barili la giorno la propria produzione a partire dal prossimi primo luglio. Un ‘apertura di Ryad verso i paesi consumatori alla vigilia del vertice con in paeso produttori prevista propria nella capita saudita il prossimo week end.

Storie correlate:

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

società

A New York nuovo record per il petrolio