ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Iraq in primo piano nella tappa londinese del presidente americano Bush accolto da Brown e dalle proteste

Lettura in corso:

Iraq in primo piano nella tappa londinese del presidente americano Bush accolto da Brown e dalle proteste

Dimensioni di testo Aa Aa

Strette di mano e insulti. Così il presidente americano Bush è stato accolto in Gran Bretagna, ultima tappa della sua visita in Europa. Il capo della Casa Bianca arriva a Londra e avverte il premier Gordon Brown: niente calendario sul ritiro dall’Iraq. Concetto chiaro: Bush non gradirebbe l’imminente decisione del governo inglese di lasciare l’Iraq entro la fine del 2008.

Niente diplomazia per le strade della City: in 2 mila hanno manifestatto al grido “George Bush terrorista”.

Secondo gli organizzatori della protesta pacifista, la Stop the War Coalition, la cosa importante è vedere che le persone si mobilitano sempre quando c‘è da protestare contro la guerra. E continueremo a farlo anche qui a Londra se Gordon Brown con Bush si comporterà esattamente come ha fatto Tony Blair.

Non sono mancati tafferugli e scontri tra i manifestanti e la polizia. 13 persone sono finite in manette. Alcuni dimostranti hanno cercato di forzare le barriere che impedivano l’accesso alla zona di Downing Street dove era in programma la cena tra Bush e Brown.