ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

In Kosovo una forza di sicurezza multietnica.

Lettura in corso:

In Kosovo una forza di sicurezza multietnica.

Dimensioni di testo Aa Aa

Dalla Nato via libera alla nuova missione internazionale in Kosovo. A pochi giorni dall’entrata in vigore della nuova Costituzione prevista per domenica 15 giugno, le forze di sicurezza presenti nell’ex provincia serba, che quattro mesi fa si è dichiarata stato indipendente, si riposizionano, nonostante le forti critiche della Russia. La nuova missione civile sarà multietnica ed equipaggiata con armi leggere, composta da circa 2500 uomini.

In termini pratici, la ‘riconfigurazione’ avverrà su sei punti, tra i quali la creazione di nuovi tribunali in alcune zone a maggioranza serba, la creazione di un’unica area doganale all’interno del Kosovo, e la protezione internazionale della Chiesa ortodossa serba in Kosovo. Quella della Nato si affianca ad Eulex, la missione di polizia dell’Unione Europea, costituita quattro mesi fa. Il dispiegamento avanza però con ritardo per la dura opposizione di Mosca che, dando voce alle proteste della Serbia contro l’indipendenza del Kosovo, ritiene Eulex illegale.