ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

G8: l'aumento del prezzo del petrolio rischia di provocare una "pericolosa recessione"

Lettura in corso:

G8: l'aumento del prezzo del petrolio rischia di provocare una "pericolosa recessione"

Dimensioni di testo Aa Aa

Da soli consumano il 65% dell’energia mondiale. Per questo i Paesi del G8 più India, Cina e Corea del Sud, riuniti in Giappone, esprimono la massima preoccupazione di fronte alla corsa inarrestabile del petrolio. Venerdì ha sfondato quota 139 dollari al barile, un livello che si è moltiplicato per cinque dal 2003.

Gli analisti prevedono che entro la fine del mese il greggio dovrebbe raggiungere una linea della paura fissata a 150 dollari il barile.

Il G8 ha chiesto ai paesi produttori di petrolio di immettere sul mercato una maggiore quantità della materia prima per cercare di contenerne il prezzo. In mancanza di misure urgenti e mirate, dicono i paesi più industrializzati, c‘è “il rischio concreto di
dover fare i conti con una pericolosa recessione’‘.

Il dito è puntato anche contro i paesi emergenti che sovvenzionano la benzina per allegerire la fattura energetica ai redditi più modesti. Ma facendo ciò la domanda di carburante resta elevata sostenendo il corso del petrolio.