ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

UE. Energia. Compromesso raggiunto sulla separazione delle reti

Lettura in corso:

UE. Energia. Compromesso raggiunto sulla separazione delle reti

Dimensioni di testo Aa Aa

Un compromesso accettabile per tutti. E’ così che la Commissione europea ha definito l’accordo sulla separazione delle reti energetiche raggiunto a Bruxelles dai 27 stati dell’Unione. In sostanza i paesi membri non saranno obbligati, per il momento, a separare la produzione dalla distribuzione e potranno optare per una riorganizzazione meno drastica.

Secondo il commissario europeo all’energia Andris Piebalgs, il pacchetto garantirà molta più concorrenza producendo vantaggi reali per i cittadini:

“Ritengo che il compromesso che abbiamo raggiunto sia eccellente. Sarà facile farlo applicare e rafforzerà il mercato interno europeo”.

Contrari alla separazione netta erano soprattutto la Francia, la Germania e la Spagna, che difendono strenuamente i propri campioni nazionali dell’energia. L’intesa include in particolare una clausola di salvaguardia con la quale gli stati membri e le imprese che non accetteranno la separazione proprietaria delle reti di produzione e di trasmissione non potranno fare acquisti in casa d’altri per non distorcere il mercato.